Campionato Italiano in Tipo Regolamentare: prima giornata

Trieste, sabato 27 settembre 2008

È iniziato sabato mattina alle 9 il Campionato Italiano in Tipo Regolamentare sul campo di Barcola. 700 atleti in rappresentanza di una cinquantina di società hanno popolato il campo di regata triestino con le qualificazioni del Campionato, e le gare del Trofeo del mare per la categoria master. Gare di altissimo livello tecnico con protagonisti atleti finalisti ai Giochi Olimpici di Pechino, medagliati ai Campionati del mondo, e campioni italiani, a dimostrazione dell'eccellente standard agonistico della manifestazione organizzata dal Circolo Canottieri Saturnia in collaborazione con tutte le società regionali, supportate al Comitato regionale della Federcanottaggio. Un fastidioso vento da nord est con raffiche importanti attorno ai 70 km/ora, ha costretto gli organizzatori dopo le prime batterie di qualificazione a spostare il campo di regata riducendolo a soli 500 metri.

Nel canoino senior femminile vittoria nella prima batteria dell'olimpionica Laura Schiavone (Irno), mentre nella seconda, successo di Veronica Pizzamus (Saturnia), recente 4° agli Europei i Atene sull'otto. I recuperi del pomeriggio promuovevano in questa disciplina la Tremul (San Marco), Giambalvo (Canottieri Trieste), e la Russi (Timavo). Nel doppio canoè femminile senior, vittoria nella prima della Tevere Remo (Gossetti/Ravoni), e nella seconda delle campionesse iridate under 23 nel 4 senza Espana e Romiti (Aniene).

Nel pomeriggio attraverso gli "esami di riparazione", accedevano alla finale di questa mattina anche Mariola e Del ben (Canottieri Trieste) e Cozzarini e Damian (Ginnastica Triestina). Ancora in evidenza gli armi regionali nel canoino juniores femminile. Si affermavano nella prima batteria Nicole Grbec (Saturnia), riserva ai mondiali juniores, ed Enrica Locci (Timavo), pluricampionessa italiana nel 4 di coppia e azzurra alla Coupe de la Jeunesse. Attraverso i recuperi si qualificava anche Alice Gianbalvo (Canottieri Trieste). Nel canoino junior maschile passavano subito il turno per la semifinale di questa mattina Skrap (Ginnastica Triestina) e Costa (Nettuno), mentre attraverso le gare del pomeriggio era promosso anche Comuzzi (Saturnia).

A metà mattinata peggioravano le condizioni meteo tanto che venivano sospese le gare master mentre continuavano le batterie del Campionato Italiano. Ancora protagonisti triestini nel doppio juniores che con la medaglia d'argento Miccoli ed il campione italiano Zacchigna (Nettuno), si imponevano agevolmente nella prima batteria, mentre l'armo della Trieste (Benolli/Pinat), accedeva alla finale attraverso i recuperi. Altissimo il livello nella yole a 4 senior con Firenze e Posillipo, che imbarcavano campioni mondiali e medagliati agli iridati under 23 che si imponevano nelle rispettive batterie. Attraverso le gare del pomeriggio erano ben quattro gli equipaggi regionali che passavano il turno: Pullino (Finocchiaro, Strain, Visintin A., Visintin A., tim. Carboni), Trieste (Mariola, Milos, Martini, Pavlovic, tim. Debortoli), ed le due formazioni del Saturnia (Grbec, Pierobon, Nessi, Ustolin, tim. Gioia) e (Milos, Panteca, Franco, Stadari, tim. Rocchetti). Ancora un eccellente risultato nel canoino senior con la vittoria di Romano (Timavo), mentre nell'altra batteria tagliava per primo il traguardo il campione del mondo universitario Smerghetto, ed attraverso i recuperi accedevano anche Tremul (San Marco) e Depetris (Ravalico). Nel doppio canoè senior si qualificava nel pomeriggio il doppio della Nettuno (Sverko e Minca). Nell'ultima gara, quella delle gig a 4 ragazzi, passavano il turno le due formazioni del Saturnia (Barro Savonuzzi, Panteca, Nessi, Calligaris, Peraz) e (Aversano, Benco, Parma, Sferza, Ferrari), quella della Timavo (Bortolotti, Bellè, Scarpa, Polez, tim. Brugnera) e della Pullino (Baldini, Palumbo, Novak, Visintin, Lamesa), preludio ad una interessante finale con ben 4 formazioni regionali in lizza per il titolo tricolore.

Al termine delle qualificazioni, con le condizioni meteo nettamente migliorate, si sono disputate le gare master valide per il Trofeo del Mare.

Testo e foto di Maurizio Ustolin