Vukovar (Croazia) maraton - 3 ottobre 2009

Ho trovato per la prima volta i croati di Vukovar ai Croatia Open di Zagabria, dove avevano allestito un organizzatissimo stand per pubblicizzare la loro manifestazione: la Vukovar Maraton.

Cordialità mista alle prelibatezze del luogo, dal vino ai dolci, ai salumi, offerti per la due giorni zagabrese, assieme alla visione di un video molto convincente che elogiava, a ragione, le bellezze del tratto di Danubio lungo il quale si snodano i 35 km della gara in otto.

Già, perché di gara con le ammiraglie si tratta, voluta da questa parte della Croazia particolarmente toccata dalla guerra del 1991. Il lento ritorno alla normalità ha fatto sì che anche lo sport facesse la sua parte, ed il canottaggio tra i primi.

Sono cinque o sei anni che si disputa la Vukovar Maraton, con equipaggi provenienti oltre che da Croazia e Serbia, da Slovenia e Germania. Una gara che rappresenta più un pretesto per riunire vogatori da più parti d'Europa a stipulare un ideale trattato di pace ed amicizia nel nome dello sport, nel nome del canottaggio.

Ne parlano con entusiasmo i croati dello stand, con altri vogatori di altri Paesi a fare da capannello e confermare che ...a fine stagione... ne vale la pena passare da quelle parti per una rimpatriata remiera, per cavalcare assieme le acque del fiume più lungo d'Europa.

Le barche? Possiamo anche trovarvele lì sul posto...
Empacher aveva garantito la sua presenza... rispondono entusiasti di una presenza italiana a Vukovar.

Il programma prevede per sabato 3 ottobre una sgroppata di circa 35 km lungo le anse del Danubio (tra le altre, anche una categoria Universitari), con un'assistenza garantita in acqua come a terra.

Il clou della manifestazione è però la sera, quando tutti quanti ci si ritrova in una delle cantine vinicole più grandi della regione, dove le premiazioni sono un dettaglio, mentre le degustazioni rappresentano il piatto forte della serata, condite dall'evoluzione dei rapporti, dallo stringere di amicizie che rappresentano il sale dello sport come lo intendo io.

Della sistemazione alberghiera se ne occupa un'agenzia di Vukovar a prezzi davvero modici, mentre la mattinata successiva, quella di domenica 4 ottobre, è riservata ad un tour turistico della città, proposto dall'organizzazione.

Della distanza... che dire?
Da Trieste a Vukovar (i dati sono della guida Michelin), sono 523 km , previste 5 ore e 22' di cui 4 ore su strade a scorrimento veloce, 96,81 euro il pedaggio. Non si tratta di un tragitto impossibile, soprattutto se la barca la si trova sul posto.

Pensiamoci assieme, perché al di là dell'aspetto agonistico, per la Vukovar Maraton importante fino ad un certo punto, il ritrovarsi in barca come a tavola con degli amici che hanno la nostra stessa "malattia", il canottaggio, potrebbe rappresentare un'esperienza piacevole.

Il bando di regata, oltre che nella lingua locale, sul sito www.veslacki-maraton.vsz.hr è in italiano, inglese e tedesco, un ponte di amicizia gettato alle nazioni che si esprimono in tali lingue, nel caso dell'italiano, un invito davvero speciale ad andare in visita ai rematori di Vukovar.