Prime convocazioni in azzurro

Alla luce dei risultati del I Meeting nazionale svoltosi a Piediluco sabato e domenica, il nuovo corso tecnico della Federcanottaggio, riunito presso il Centro Federale domenica pomeriggio, ha deciso le prime convocazioni in maglia azzurra della stagione, quella per la precisione che vedranno, sempre sul lago umbro, la disputa del Memorial Paolo d'Aloja, unica manifestazione remiera internazionale in programma in Italia. Sono sei gli atleti che a partire da giovedì e fino a domenica parteciperanno al raduno ed alle regate del Memorial.

Per la categoria under 23 (24 i convocati, 12 per la coppia e 12 per la punta), saranno presenti a Piediluco Federico Ustolin (Saturnia) e Bernardo Miccoli (Nettuno), per la vogata di coppia, due atleti nel 2008 rispettivamente vicecampione del mondo under 23 nel 4 di coppia pesi leggeri e vicecampione del mondo juniores nel 4 di coppia. Sabato e domenica i due atleti triestini hanno conquistato le finali valutative del singolo e del doppio, convincendo il responsabile di settore, Antonio Baldacci (coadiuvato dal triestino Mosetti), ad una loro convocazione per impostare le prime formazioni in vista di questa prima parte della stagione.

In campo femminile (35 le atlete al raduno), sono soltanto tre le atlete (tutte juniores) convocate dall'olandese Josy Verdonkschot nuovo tecnico delle azzurre: Enrica Locci (Timavo), Emauela Tabacco ed Ester Gaggi Slokar (Saturnia). La sculler monfalconese, dopo una stagione 2008 nella quale ha alternato il 4 di coppia al singolo, punta quest'anno ad un posto in nazionale, visto che nella due giorni umbra, non ha mancato il podio né nel singolo (2°), né nel doppio (1°) in coppia con la padovana Trevisan. Per Gaggi e Tabacco, una egregia prestazione nella finale del doppio (3°), a 7" dalle vincitrici che ha valso alle due atlete barcolane una meritata convocazione. In campo junior maschile infine, unico atleta segnato sul taccuino del responsabile di settore, il cremonese Claudio Romagnoli, Andrea Grison del Saturnia, domenica sul gradino più alto del podio sia in 4 senza che nell'otto.