L'Arupinum di Rovigno compie 100 anni

Grande festa nei giorni scorsi alla Società Canottieri Arupinum di Rovigno (Croazia), per le celebrazioni dei 100 anni del club istriano.

Presenti oltre 400 invitati, la maggior parte atleti soci e dirigenti dell'Arupinum che hanno fatto la storia del remo rovignese.

A fare gli onori di casa la Presidentessa Ivetta Volcic (pluricampionessa nazionale e nazionale jugoslava qualche anno fa), ed il vicesindaco di Rovigno, il prof. Marino Giuricin, impegnato da sempre nel Comitato per le Ricerche storiche su Rovigno ed autore di uno splendido volume dato da poco alle stampe in occasione proprio del secolo di vita del club remiero rovignese, che ha la particolarità (oltre alle splendide foto rievocative), di essere stato scritto bilingue (italiano e croato).

Festeggiata la prof.ssa Lidia Sponza Martincic (anch'essa in passato campionessa e nazionale jugoslava), per tantissimi anni allenatrice, presidentessa, e anima e corpo di LIM, regata internazionale di resistenza, inserita nel calendario Fisa, che quest'anno si svolgerà domenica 15 marzo a Canal di Leme.

Proprio grazie all'opera instancabile della "Lidia", come tutti la conoscono nell'ambiente remiero, l'Arupinum può oggi contare su una splendida sede (un ex capannone ferroviario), che oltre ai locali delle barche, consta anche di una attrezzata palestra, spogliatoi e segreteria.

Tra i personaggi più conosciuti nell'ambiente remiero rovignese, Francesco Dapiran che presso il club istriano ha iniziato a remare, prima di trasferirsi a Trieste e proseguire la sua carriera da atleta fino alle Olimpiadi di Londra 1948 (in doppio con Mario Ustolin), e poi quella di allenatore al Saturnia.